geco leopardino

geco leopardino geco leopardino geco leopardino
...

il geco leopardo (Eublepharis macularius (Blyth, 1854) ) è un geco notturno che vive nei deserti dell'Asia meridionale.
Il nome deriva dal latino Eublepharis per via delle sue palpebre mobili e macularius in riferimento alle macchie nere che ha sul corpo.
Descrizione Ha una lunghezza di 20-25 cm.
Il corpo è giallo con macchie o fasce nere che ha sul corpo.
giallo, questo è il biomorfo spesso trovato allo stato brado nel suo ambiente naturale, è chiamato Ancestrale; ma esistono, in cattività, molti altri biomorfi, per via degli studi ed ibridazioni genetiche fatte su questi animali, qualità che rende questo geco molto apprezzato dai terrariofili.
Fisicamente presenta varie verruche sul dorso e sulla coda, i maschi sono di corporatura più massiccia ed hanno il collo e la testa più larghi delle femmine.
A differenza di molti altri gechi, non ha delle setae presenti sulla parte inferiore delle zampe, ma dei piccoli artigli presenti, grazie ai quali è un abile scavatore e scalatore di rocce, ma non riesce ad arrampicarsi su vetri.
Ha una spessa coda che utilizza come dispensa.
Nei periodi di abbondanza la coda si ingrossa; si assottiglia invece durante la siccità, quando il cibo in eccesso presente sotto forma di grasso risiede nella coda, viene metabolizzato.
Come meccanismo di difesa, questo geco è in grado di amputarsi, anche se non rapidamente, la coda (autotomia).
Biologia Comportamento È una specie scavatrice che si procura il cibo di notte per poi durante il giorno ripararsi dalle temperature estreme in tane sotterranee.
Alimentazione Specie carnivora, in particolare si ciba di vari insetti, ma anche di gechi più piccoli.
Riproduzione È un animale oviparo e il sesso della prole è determinato dalla temperatura di incubazione delle uova.
Raggiunge la maturità sessuale dopo un anno dalla nascita e circa 50-60 gr di peso.
Il dimorfismo sessuale è facilmente individuabile in quanto il maschio presenta alla base della coda un ingrossamento causato dalla presenza degli emipeni (gli organi copulatori maschili), mentre sopra alla cloaca vi è una fila a forma di V di pori preanali.
Distribuzione e habitat Ha un areale asiatico meridionale che comprende India, Iran e Pakistan.
I suoi habitat variano da pianure aride con scarsa vegetazione a montagne rocciose fino ai 2500 m.
Le temperature in questi areali variano dai 15 °C ai 40 °C ma in alcune zone montuose possono scendere anche sotto lo zero.
L'umidità varia dal 30% al 50%.
Tassonomia Presenta quattro sottospecie: Eublepharis macularius fasciolatus (Günther 1864); Eublepharis macularius afghanicus (Börner 1976); Eublepharis macularius montanus (Börner 1976); Eublepharis macularius smithi (Börner 1981)