MALTESE

Classificato come cane da compagnia, il maltese è una razza molto antica. Infatti, è presente fin dai tempi dei romani le cui donne nelle case nobili lo tenevano per la sua bellezza ed estrema intelligenza. Nella tomba di Ramsete II, che regnò tra il 1278 a.C. e il 1213 a.C., furono trovate statuette che lo raffigurano. Questo cane non è originario dell'isola di Malta, come si potrebbe pensare, ma a Malta i fenici lo importarono dall'Egitto per poi venderlo. L'origine del cane maltese è mediterranea. La prima esposizione a cui questo cane partecipò fu nel 1862 in Gran Bretagna. In passato fu utilizzato sulle navi e nei porti come cacciatore di piccoli roditori.

Fisicamente è un cane dai 3 ai 5 kg, alto dai 20 ai 35 cm, dal folto pelo lungo e bianco che, ovviamente, necessita di cure particolari.

Caratterialmente è morbosamente attaccato al padrone, eccellente cane da allarme (avvisa ogni minimo rumore con una prontezza incredibile), molto coraggioso. Da piccolo si attaccherà coi dentini su ogni cosa, come i pantaloni. Ha bisogno, contrariamente a quel che si pensa delle razze canine di piccola taglia, di lunghe passeggiate e di un padrone che possa dedicargli parecchio tempo.

Anche se il pelo lungo, folto e setoso nasconde la vera fisionomia di questo cane e lo fa sembrare "gonfio", fisicamente si presenta snello, tonico e con ossatura forte sugli arti, ha una coda piuttosto lunga e larga alla radice, che si arriccia come a formare una curva.

In genere questo cane presenta una tipica pigmentazione a chiazze scure sulla pelle e nella maggior parte dei casi, soprattutto in fase di crescita presenta il pelo sotto gli occhi con delle striature rossastre dovute alla lacrimazione.

È agile e molto ubbidiente, con una spiccata dote di apprendimento, cosa che lo rende, oltre che un cane da esposizione, anche molto apprezzato per la specialità di agility.