PARROCCHETTO DI BOURKE

PARROCCHETTO DI BOURKE PARROCCHETTO DI BOURKE

Parrocchetto di Bourk Il Parrocchetto di Bourke (Neopsephotus bourkii) è un uccello appartenente alla famiglia degli Psittacidi.
Il vecchio nome scientifico lo classificava nel genere Neophema, per cui è facile trovarlo sotto questa denominazione.
Si segnala che è ancora in corso una discussione sul nome e ci sono pareri discordi.
L'uccello fu scoperto nel 1835 da Sir Thomas Livingstone Mitchell.
John Gould fu il primo a descriverlo nel 1841.
Deve il suo nome al generale Richard Bourke che lavorò dal 1831 al 1837 come governatore del Nuovo Galles del Sud.
Si tratta di un uccello di medie dimensioni, lungo circa 19-23 cm, che pesa circa 45 grammi.
È difficile descriverne i colori, giacché non hanno un'area ben definita, ma in tutto il corpo c'è una continua sfumatura di tinte.
Nella colorazione più diffusa il piumaggio è grigio, col ventre rosa che diventa celeste sotto la coda.
Esistono tantissime mutazioni di colore ed è ora difficile trovare esemplari dai colori ancestrali.
I maschi hanno sfumature blu in fronte e sugli occhi, dove le femmine hanno più spesso il piumaggio bianco.
I piccoli sono di colore grigio pallido, col becco giallo, ma alcuni esemplari mostrano fin dall'inizio le penne remiganti celesti.
Distribuzione e habitat La specie è frequente in Australia, in particolare nella zona semidesertica centrale.
Biologia Il parrocchetto di Bourke vive in coppie o gruppi di 20-30 individui che nel periodo secco possono raggiungere persino i 100 esemplari.
Questi animali sono attivi nelle prime ore del mattino o alla fine del pomeriggio.
Riproduzione Costruisce il nido nelle cavità, nel periodo tra agosto e dicembre.
La cova delle uova, tra 3 e sei, è affidata alla madre, mentre il maschio ha il compito di procurare il cibo.
Dopo 18 giorni nascono i pulli, che dopo 4 settimane sono già in grado di volare, e diventano indipendenti dopo altre 3-4 settimane.
L'aspettativa di vita è circa 12 anni.
Relazioni con l'uomo La prima coppia arrivò in Europa nel 1867 e fu esposta allo zoo di Londra.
Si riuscì a riprodurli solo 10 anni dopo in Belgio, nel 1880 in Germania e nel 1906 in Inghilterra.
È considerato un animale facile da allevare.
Status e conservazione È un animale molto diffuso in natura e negli allevamenti.
In base ai criteri della IUCN red list la specie è considerata a basso rischio di estinzione.