tartaruga acquatica apalone ferox

tartaruga acquatica apalone ferox tartaruga acquatica apalone ferox
...

La classificazione di Apalone ferox è la seguente: CLASSE: Reptilia SOTTOCLASSE: Anapsida ORDINE: Testudines (o Chelonia) SOTTORDINE: Cryptodira FAMIGLIA: Trionychidae SOTTOFAMIGLIA: Trionychinae GENERE: Apalone SPECIE: Apalone ferox Le Apalone ferox possono essere allevate in un grande acquaterrario con il fondale sabbioso spesso almeno qualche centimetro.
Questa specie infatti passa gran parte della giornata infossata nel fondo sabbioso o fangoso da cui fuoriesce solamente con la testa per poter respirare.
Nell'acquaterrario sono necessari, oltre al fondale sabbioso, un termoriscaldatore, sughero galleggiante per l'area emersa ed un filtro per pulire l'acqua.
La temperatura dell'acqua deve essere compresa tra i 20 C° e i 22 C°.
Gli esemplari adulti si possono allevare all'aperto tutto l'anno ma, essendo molto competitivi ed aggressivi verso gli altri esemplari (sia della stessa specie sia di altre specie), andrebbero allevati da soli oppure se ne possono ospitare più di uno in ampi laghetti, in modo tale da evitare conflitti.
In natura le Apalone ferox si nutrono di pesci, molluschi, crostacei, insetti acquatici, lombrichi ed altri vermi, girini ed anfibi.
In cattività si può offrire loro piccoli pesci, insetti, crostacei, molluschi ed in piccola parte alimenti vegetali.
Essendo un'ottima predatrice, questa specie accetta e preda cibo vivo con molta facilità.
Una volta adulte le femmine di Apalone ferox depongono una sola volta all'anno all'incirca una ventina di uova.
I piccoli sono molto delicati e per questo vanno seguiti con moltissima attenzione e cura.
Le Apalone ferox raggiungono i 60 cm di lunghezza del carapace nelle femmine e circa la metà nei maschi.
Le Apalone ferox sono diffuse negli Stati Uniti sud-orientali; in particolare nella Carolina del sud, nella Georgia, nella Florida e nell'Alabama.
Vivono in corsi d'acqua lenti e fangosi o sabbiosi dove possono nascondersi e trovare cibo.
Non escono quasi mai dall'acqua (se non le femmine per deporre le uova) e si riscaldano galleggiando.